venerdì 10 maggio 2013

Binge eating: Le topoline si abbuffano più dei maschi. Allora non è solo un problema psicologico!


Tradotto e riadattato da  http://www.drbriffa.com/

Il “binge eating” è un fenomeno per cui si comincia a mangiare e non si riesce a smettere.


E’ molto più comune di quanto si pensi: chi non si è mai ritrovato a pensare “Mangio solo un biscotto” per poi finire per far fuori l’intera confezione. La cosa capita molto spesso anche con “un paio di patatine”, “un quadratino di cioccolato” o “un bicchiere di vino”.


Sembra che questo comportamento sia più diffuso nelle donne. Può derivare dal fatto che le donne tendono ad essere più coscienziose nei confronti del loro corpo e sono spesso “a dieta”.
Assumere un atteggiamento restrittivo nei confronti del cibo può creare una fame più o meno inconscia che a sua volta può indurre il fenomeno del binge eating.

C’è l’idea che il problema risieda nel controllo ossessivo del peso e nella pressione esercitata da parte della società sulle donne, che si sentono in dovere di conformarsi a determinate forme e taglie.
Questo può essere uno dei fattori scatenanti, ma quando si studiano i comportamenti alimentari a livello medico, si scopre che il più delle volte il “binge eating” è frutto di uno sbilanciamento biochimico.


Ad esempio, alla sera i livelli di glicemia tendono a scendere un pochino e questo ha la capacità di indurre “voglie” di certi cibi,  in modo particolare quelli che ristabiliscono la glicemia molto velocemente, come caramelle, cioccolata, biscotti, merendine.
Molte persone credono che il desiderio verso questi cibi risieda in una mancanza di autocontrollo. La realtà è che dal momento in cui queste persone cominciano a mangiare in modo da prevenire i bruschi cali di zucchero serali,  la voglia di mangiare “porcherie” sparisce.

Una ricerca appena pubblicata ha dimostrato che i ratti femmina hanno fino a 6 volte in più la tendenza al “binge eating” rispetto ai ratti maschi. Può essere che le rattine femmine sentano la pressione di dover rientrare in una determinata taglia…ma è più probabile che ci sia qualcosa nella biologia delle femmine che le distingue dai maschi.



Un potenziale candidato può essere la chimica del cervello, in particolare nei riguardi della serotonina. Questo 'neurotrasmettitore' induce generalmente sensazione di felicità e tranquillità. Quando i livelli di serotonina si abbassano, il corpo prende provvedimenti per ristabilire i livelli di serotonina. Questo potrebbe essere alla base di un particolare comportamento alimentare, in particolare la tendenza al binge di cibi ricchi di carboidrati.

Il meccanismo qui proposto riguarda l'amminoacido triptofano.
Nel cervello, il triptofano può essere trasformato in 5-idrossitriptofano (5-HTP) che può essere poi convertito in serotonina. Il trucco sarebbe quello di ottenere più triptofano nel cervello. Mangiare carboidrati induce la secrezione di insulina che fa uscire gli amminoacidi dal flusso sanguigno. Tuttavia, l'insulina  non agisce sul triptofano, indirizzandolo verso il cervello (dove non deve competere con gli altri amminoacidi per uscire dal circolo) Quindi,  elevati livelli di triptofano possono portare a un aumento della serotonina, ottenendo l'effetto desiderato (miglioramento dell'umore).

è ipotizzabile, quindi, che in alcune persone, il binge-eating sia conseguenza di un esaurimento di serotonina.
In uno studio, le donne con un passato di bulimia (risolta) sono state alimentate con una dieta impoverita in triptofano. Rispetto a quando sono seguivano un’alimentazione comprendente il triptofano, le donne riscontravano una maggior difficoltà nel controllo dell’alimentazione. La dieta impoverita in triptofano può anche portare a un abbassamento dell’umore e a una crescente preoccupazione nei riguardi del proprio aspetto.

E' possibile che i livelli di serotonina calino nel corso della giornata, e questo può aiutare a spiegare perché alcune persone sono inclini a mangiare troppo e abbuffarsi la sera o anche di notte.

Un modo semplice per aumentare i livelli di serotonina è aumentare l’ esposizione alla luce solare.
La quantità di esposizione alla luce solare sembra essere fortemente legata alla quantità di serotonina che riusciamo a sintetizzare.



La supplementazione con o triptofano o 5-HTP è un'altra strategia valida.
Il dosaggio raccomandato è  500 - 1000 mg di triptofano o  50 - 100 mg di 5-HTP preso tra i pasti (per migliorare l'assorbimento).

Referenze
1. Klump KL, et al. Sex differences in binge eating patterns in male and female adult rats. International Journal of Eating Disorders, 2013; DOI: 10.1002/eat.22139
2. Smith KA, et al. Symptomatic relapse in bulimia nervosa following acute tryptophan depletion. Arch Gen Psychiatry. 1999;56(2):171-6.
3. Lambert GW, et al. Effect of sunlight and season on serotonin turnover in the brain. Lancet. 2002;360(9348):1840-2.

7 commenti:

  1. Questo articolo arriva proprio al momento giusto, proprio stamattina ho sostituito il mio spuntino con un vero e proprio pasto.. Ovviamente era correlato ad un umore basso (calo serotonina!).. E ovviamente mi sono regalata uno spuntino a base di pane e cioccolata fondente.. Per fortuna in casa tengo comunque solo cose sane e quindi anche se qualche volta cado in questo meccanismo, non mi sento troppo in colpa... Ora so che mi devo buttare su banane, noci, mandorle, avena o green smoothie, farmi un giro al sole... Grazie mille! Me lo devo solo ricordare nei momenti incriminati ;)

    RispondiElimina
  2. Anche per me il segreto è vivere in una casa dove la cosa più golosa sono i biscotti integrali... così, nel caso, almeno limito i danni!!! :)

    RispondiElimina
  3. cosasonolenuvole14 maggio 2013 02:09

    Ericaaaa, ti faccio una video/post richiesta :D
    avresti voglia di fare un video/post con la top 10 dei tuoi dolcificanti preferiti?
    ogni volta che vado al biologico mi trovo di fronte allo scaffale con sciroppo di agave, sciroppo di datteri, malti vari, zuccheri integrali, melassa, stevia nelle sue svariate forme.. e non so mai in base a cosa scegliere (infatti, di norma, vado "a sentimento" :D) !
    nel caso ne avessi già parlato (anche se non mi pare) chiedo venia! grazie!!

    RispondiElimina
  4. cosasonolenuvole21 maggio 2013 03:00

    Ericaaaa, mi mancano i tuoi aggiornamenti!!! :(

    RispondiElimina
  5. Erica dove sei finita?? Allenarsi passo passo con te era mooolto più stimolante! :)

    RispondiElimina
  6. ciao! sono contenta di aver trovato un blog così italiano, ne leggo tanti made in usa, ma in italia trovo solo ciofeche terribili, con informazioni vaghe, elementari e incomplete. il tuo è fatto molto bene! brava! ti seguo ;)

    RispondiElimina
  7. Ciao, ti ho conferito il LIEBSTER AWARD :)
    http://dobimustgetfit.blogspot.it/2013/06/liebster-award-grazie.html
    Complimenti per il Blog!

    RispondiElimina